Stitichezza non ti temo!

Scopri i rimedi naturali contro la stitichezza

Un problema di cui non ci piace parlare troppo, ma a cui molti cercano affannosamente una soluzione.
Si può affermare di soffrire di stitichezza vera e propria nel caso in cui l’evacuazione si interrompa per un arco temporale di almeno tre giorni, ma i sintomi che la caratterizzano sono inequivocabili: l’evacuazione delle feci è scarsa o assente e si presenta spesso accompagnata da gonfiore addominale e pesantezza fisica.

Quali sono le cause della stitichezza?

I sintomi della stitichezza possono essere provocati da molteplici cause come:

  • carenza di fibre nella dieta
  • mancanza di attività fisica
  • azione di alcuni farmaci
  • sindrome del colon irritabile o problemi al retto
  • cambiamenti della vita quotidiana, come una gravidanza, l’invecchiamento o un viaggio
  • abuso di lassativi
  • disidratazione
  • malattie specifiche (come ad esempio l’ictus)
  • disturbi della funzionalità intestinale
  • Fattori ormonali (come l’ipotiroidismo) o gastrointestinali

Nel momento in cui gli alimenti attraversano il colon, questo organo ha il compito di assorbire l’acqua ancora presente e di formare le feci (prodotti di scarto), che vengono spinte verso il retto dalle contrazioni. Le feci di chi si trova in buono stato di salute, quando raggiungono il retto sono in forma solida, poiché la maggior parte dell’acqua è stata assorbita.
La stitichezza si verifica quando il colon assorbe troppa acqua, oppure quando le contrazioni muscolari del colon sono troppo lente e deboli, e dunque le feci si muovono troppo lentamente, indurendosi o seccandosi.

Quali sono i rimedi alla stitichezza?

Sono molti i rimedi naturali che sarebbe bene seguire per evitare i sintomi legati alla stitichezza e alla sindrome da colon irritabile:

  1. Privilegiare un’alimentazione ricca di semi di lino, cereali integrali, legumi, semi oleosi, frutta e verdura di stagione, evitando alimenti confezionati o un eccesso di proteine animali.
  2. Aumentare l’apporto di fibre, che si ottiene facilmente preferendo cibi come i cereali integrali alle farine raffinate.
  3. Assumere alimenti ricchi di prebiotici naturali, quali cipolle, asparagi, carciofi, frumento, soia, porri, banane, aglio, i quali contribuiscono a riequilibrare la flora intestinale.
  4. Bere regolarmente acqua e garantire un buon livello di idratazione all’organismo, introducendo ai pasti verdure ricche di acqua, come insalate a foglia verde, indivia, cetrioli, finocchi e frutti ad azione lassativa come kiwi, mela con la buccia, pera matura e prugne secche.
  5. Svolgere attività fisica per rimettere in moto le funzionalità intestinali: sono sufficienti 20 minuti di camminata al giorno.

L’uso dei lassativi, permette di alleviare i sintomi legati alla stitichezza, ma con il passare del tempo, un utilizzo ripetuto di lassativi prevederà il necessario aumento della dose a cui è necessario prestare molta attenzione, poiché l’organismo potrebbe sviluppare una dipendenza.

In commercio, però, esiste un altro rimedio naturale, che non prevede l’utilizzo di lassativi, ma favorisce l’evacuazione in caso di stitichezza.

Si chiama Niolav ed è un dispositivo monouso sterile per il lavaggio o l’irrigazione rettale con soluzione fisiologica sterile.
Niolav favorisce l’evacuazione nel caso di stitichezza occasionale o cronica, in caso di prolasso intestinale e di lesioni midollari e aiuta lo svuotamento dell’ampolla rettale nel c